|  |  |  |  |  |  |  | 

 
Chi siamo Attività Liturgia Pubblicazioni Notizie Area Riservata



Il Portale F.A.C.I.

Rivista L'Amico del Clero
Coordinamento Nazionale per la Pace in Siria

Da anni la Siria è sconvolta da una guerra che non conosce requie. In tutti questi anni nessuna seria iniziativa di pace è stata perseguita, men che mai da chi avrebbe il dovere di percorrere tale strada. Da qui l’idea di un ‘coordinamento per la pace in Siria’, che offra il suo contributo, nell’inermità, in questa prospettiva.


Il coordinamento riunisce anime diverse: da cattolici a pacifisti di area laica e di sinistra, come anche persone che appartengono ai diversi riti orientali, cittadini italiani e siriani.

Una convergenza di sguardi e destini diversi verso una prospettiva comune: la fine di un conflitto e la nascita di una Siria laica, plurale, nella quale sia garantito il diritto e la pacifica convivenza tra diversi (a livello religioso, etnico etc.) . Non una vana utopia, ma una vibrata speranza.

Da anni le persone che hanno dato vita a questo coordinamento si sono scontrate con la disinformazione dilagante sui mass media, che dipinge feroci tagliagole come ardenti patrioti della libertà e della democrazia, distorce notizie, inventa, strumentalizza con una serialità impressionante. E’ nato un dialogo, uno scambio di informazioni, e la decisione di provare a fare qualcosa per questo tormentato Paese.

Due le direttrici. La prima è quella di tentare di fornire un’informazione aliena da distorsioni e strumentalizzazioni, mettendo insieme, rispettandone le varie identità, informazioni provenienti da siti diversi. La seconda è quella di dar vita a iniziative e progetti mirati che possano portare sollievo alla popolazione locale. Mirati e controllati, perché in questo teatro di guerra accade che iniziative umanitarie siano usate per altri scopi.

Chiunque può dare il suo contributo, sia a livello informativo, che a livello operativo. In particolare, per quest’ultimo aspetto, si può collaborare in vari modi: sia aderendo al coordinamento (vedi modalità), sia proponendo iniziative (il gemellaggio di una scuola o una parrocchia italiana con una siriana, sostenendo progetti di ricostruzione, incontri pubblici e altro).

Non abbiamo la pretesa di cambiare il mondo, porre fine a questo conflitto non è nelle nostre possibilità, ma siamo animati dalla buona speranza che uno spiraglio di luce possa filtrare anche attraverso un cielo buio come è quello siriano. Saremo grati a quanti vorranno condividere con noi questo sguardo di sollecitudine verso un popolo in pena e la nostra inerme speranza